Durata : 18 Giorni / 16 Notti

Giorno 1: PARIGI /ANTANANARIVO

Partenza dalla città prescelta con voli di linea Air France per Antananarivo, via Parigi. Pasti a bordo. Arrivo in serata. Disbrigo delle formalità d’ingresso. Incontro con l’assistente locale e trasferimento in hotel.

 Pernottamento al GRAND HOTEL URBAN, in confort room.

Giorno 2: ANTANANARIVO/ ANDASIBE

Prima colazione. Partenza verso l’Est per la scoperta dell’Antsiraka, attraversando paesaggi e piccoli villaggi tradizionali della etnia Merina, fatti di case in mattoni rossi. Pranzo in hotel. Nel pomeriggio, tour nella riserva privata di Vakona per vedere il famoso “Cryptoprocta ferox“ o fosa, il predatore più conosciuto del Madagascar  e per un contatto con i simpatici lemuri.

Cena e pernottamento al MANTADIA LODGE.

Giorno 3: ANDASIBE / ANTANANARIVO

Prima colazione. Mattinata dedicata per la visita nel parco Analamazaotra alla ricerca del più grande lemure del Madagascar e del mondo chiamato Indri –Indri o “Babakoto” che emette un urlo udibile a chilometri di distanza. All’interno del parco vivono altre specie di lemuri diurni e notturni e molte specie di uccelli e di rettili. Nella foresta umida tropicale e pluviale c’è una flora lussureggiante con piante endemiche come il Ravinala, l’albero del viaggiatore, e più di 100 specie di orchidee selvagge anch’esse endemiche. Pranzo in hotel. Nel pomeriggio, ritorno verso Antananarivo. Sosta a Marozevo, visita alla piccola riserva privata di “Madagascar Exotic” dove si possono ammirare coloratissimi camaleonti e farfalle, coccodrilli, serpenti e pipistrelli. Proseguimento per la Capitale.

Cena e pernottamento al GRAND HOTEL URBAN, in confort room.

Giorno 4: ANTANANARIVO / ANTSIRABE / MIANDRIVAZO

Prima colazione e partenza per Antsirabe, attraversando paesaggi e piccoli villaggi tradizionali della etnia Merina, fatti di case in mattoni rossi. Arrivo ad Antsirabe, pranzo al ristorante “Zandina”. Proseguimento per Miandrivazo, in lingua malgascia “luogo di attesa della sposa”. Secondo la storia, il Re Radama I vi era in attesa di sua moglie, che altri non è se non la figlia del Re Sakalava. Si attraversa la pianura di Menabe o “Grande Rosso”, uno scorcio di selvaggio West. Arrivo e sistemazione in hotel.

Cena e pernottamento al PRINCESSE TSIRIBIHINA.

Giorno 5: MIANDRIVAZO / MORONDAVA

Prima colazione e partenza per Morondava, la capitale del Regno Menabe, lungo il Canale di Mozambico, circondata da mangrovie e lagune. La città di Morondava è riconosciuta anche come la capitale dei Sakalava, famosi soprattutto per la loro arte funeraria. All’arrivo pranzo in hotel. A fine pomeriggio, appuntamento con il tramonto alla famosa “Viale dei Baobab”. Rientro in hotel.

Cena e pernottamento al CAP KIMONY.

Giorno 6: MORONDAVA – KIRINDY FOREST

Prima colazione e partenza per l’escursione alla riserva di “Kirindy”, una riserva forestale, che ha come scopo di preservare e soprattutto di evitare il disboscamento della regione. Nella foresta troveremo due specie di baobab, palme e piante medicinali. La fauna sebbene non molto ricca ospita sei specie di lemuri, 45 specie di uccelli, rettili e una rara specie di tartaruga di acqua dolce, che si trova solo nella regione e nei dintorni di Morondava. Si giunge così presso il viale più celebre del Madagascar dove una fila ininterrotta di Baobab, imponenti e suggestivi, crea uno delle immagini più popolari e ricorrenti di questo paese. Una vera e propria cartolina che soprattutto al mattino presto e al tramonto offre la luce più suggestiva. In Madagascar crescono 8 specie di baobab tra cui la diffusissima “Adansonia” che si trova soprattutto nella regione sud-occidentale. Molto più rari i baobab “Adansonia Grandidieri”, enormi, di cui è pieno il famoso “Avenue des Baobab”. Queste sono piante straordinarie dalla forma inconfondibile che possono arrivare a vivere anche oltre 1000 anni grazie ad un’adattabilità all’ambiente senza confronti nel mondo animale e vegetale. Pranzo lunch box. Ritorno verso Morondava.

Cena e pernottamento al CAP KIMONY.

Giorno 7: MORONDAVA / ANTSIRABE

Prima colazione e partenza per Miandrivazo, in lingua malgascia “luogo di attesa della sposa”. Secondo la storia, il Re Radama I vi era in attesa di sua moglie, che altri non è se non la figlia del Re Sakalava. Si attraversa la pianura di Menabe o “ Grande Rosso”, uno scorcio di selvaggio West. Pranzo al Princesse Tsiribihina. Proseguimento per Antsirabe, « La ville d’eau » importante centro agricolo ed industriale.

Cena e pernottamento al PLUMERIA HOTEL.

Giorno 8: ANTSIRABE / RANOMAFANA

Dopo la colazione, partenza per un breve tour della città con visita ai laboratori di lavorazione del corno di Zebù e di giocattoli in miniatura. Proseguimento per Ambositra (capitale della lavorazione del legno artigianale) attraverso paesaggi ed altopiani dalle magnifiche risaie terrazzate (originarie dell’estremo oriente). Fermata ad Ambositra e visita di qualche atelier Zafimaniry. Continuazione stradale con sosta al ristorante rurale “Ampiadianombalahy”. Pranzo tradizionale di cucina malgascia con canti e balli di musica locale Hira gasy, caratteristica delle etnie Merina e Betsileo. Dopo pranzo partenza per Ranomafana. Arrivo verso sera per

la cena e pernottamento al CENTREST SEJOUR.

Giorno 9: PARCO RANOMAFANA / MANAKARA

Prima colazione e partenza per la visita al Parco Nazionale di Ranomafana. Il nome di questo Parco è originato dalle sorgenti termali della regione, poiché “Ranomafana”, significa “acqua calda” in malgascio. Tra i 600 metri e 1.400 metri di altitudine con una superficie di 41.600 ettari, il parco e’ stato inaugurato nel Maggio del 1991. Il parco ha la sua ragione di esistere per la conservazione della sua bella foresta pluviale e pittoresca; molto densa a bassa altitudine, e montagnosa in altezza con specie di piante endemiche come le orchidee Bulbophyllum. Nello stesso tempo, il parco ospita una fauna molto ricca e ancora poco conosciuta. Ad esempio la scoperta del lemure molto raro quale l’“Hapalemur Aureus” scoperto solamente nel 1987, le specie notturne del lemure « Aye Aye », moltitudine di uccelli, di farfalle, di ragni e di animali endemici …..insetti e invertebrati. L’esistenza di cascate, di ruscelli e rilievi accidentati rende unica la caratteristica di questo parco naturale. L’endemicità della sua fauna e flora attira molti ricercatori stranieri soprattutto di nazionalità americana che hanno creato il centro di ricerca VALBIO. Il parco è attraversato dal fiume Namorona, e abitato dall’etnia dei Tanala, conosciuti per la loro abilità nel produrre il miele e la loro particolare agricoltura chiamata Tavy. Dopo la visita rientro in hotel per pranzo.

Nel pomeriggio partenza per Manakara, una piccola città situata sulla costa orientale del Madagascar, capolinea della pittoresca ferrovia Fianarantsoa-Côte Est (FCE) che risale all’epoca coloniale.

Cena e pernottamento al PARTHENAY CLUB.

Giorno 10: MANAKARA – escursione Pangalane

Prima colazione. Partenza per l’escursione in piroga tradizionale lungo i “canal de Pangalane” navigando alcuni canali intorno a Manakara. Percorrendo e costeggiando il canale di Pangalane per alcuni tratti, scoprirete la via lacustre di quest’area del Paese, cosi endemica e lussureggiante. Fiumi e canali percorsi da piroghe caratteristiche locali, avere a bordo passeggeri e mercanzie di ogni genere. Pranzo lunch box. Passaggio attraverso tipici villaggi isolati, ricchi di attività tradizionali quali: la pesca, la costruzione di piroghe e l’intreccio di grandi reti da pesca.

Cena e pernottamento al PARTHENAY CLUB.

Giorno 11: MANAKARA / RANOMAFANA / FIANARANTSOA

Prima colazione. Ritorno verso Ranomafana. Pranzo lunch box durante il percorso. Proseguimento per Fianarantsoa, la capitale dell’etnie Betsileo. All’arrivo visita della città storica di Fianarantsoa chiamata Tanàna Ambony (o città alta), costruita nel XIX secolo su una collina da dove si gode una vista panoramica della regione. Con le sue scalinate, vicoli, campanili e vecchie case in mattoni circondate dalle verande, è una delle città malgasce più originali.

Cena e pernottamento allo ZOMATEL.


Giorno 12: FIANARANTSOA / ISALO

Dopo la colazione, partenza per Ambalavao, famosa per la fabbricazione artigianale della carta di ANTAIMORO, prodotta con la scorza dell’AVOHA macerata, lavorata e decorata da fiori naturali. Ambalavao è conosciuta anche per il famoso « Mercato degli Zebù » tenuto ogni Mercoledì e Giovedì mattina; mercato di bestiame più importante del Madagascar. Proseguendo la nostra discesa verso il Sud, fermata alla foresta di ANJA che vi darà l’occasione di conoscere un’importante colonia di Lemuri Makis. Anja ci permetterà di scoprire: camaleonti, e rettili del Madagascar. Pranzo al ristorante “Bougainvillées”. Trasferimento verso Ranohira, attraversando il plateau dell’Horombe.

Cena e pernottamento all’ ISALO ROCK LODGE.

Giorno 13: PARCO ISALO

Dopo la prima colazione, partenza alla visita del parco dell’Isalo attraverso il magnifico circuito Namazaha, con sosta alla piscina naturale formata da un piccolo corso d’acqua che scorga dalle rocce, circondata da piante acquatiche Pandanus e da palme lussureggianti. (5/6 ore di trekking); Flora e fauna incantevole…………….La natura non poteva che scegliere meglio che l’Isalo per celebrare la maestosità e le ricchezze del paesaggio del Madagascar. Plausibile testimone della deriva dei continenti. Questo paesaggio di rocce è uno dei più bei paesaggi Malgasci, datato di giurassico con le gole scolpite da generazioni dai profondi canyon, come il canyon dei Maki e il canyon dei Topi che formano strane ambientazioni.

Numerosi raduni nell’Isalo, battezzato dai Malgasci « Colorado Malgascio » sono organizzati e possono essere pedestri o di facile interpretazione : la piscina naturale, le cascate delle ninfee, ecc…. Isalo è classato Parco Nazionale, con la convenzione dell’ UNESCO,  nel 1962  e copre una superficie di 80.000 ettari. Localizzato tra i 500 metri e i 1.200 metri di altitudine sopra il livello del mare, e’ un massiccio granitico che offre in un colpo d’occhio un uniforme rilievo in mezzo ad una prateria assomigliante la savana Africana. Una totalità di flora endemica, particolarmente il “Pachypodium” e l’ “Aloe” condividono il territorio dei lemuri : lemure Fulvus, Propitheque, ed il Verreaux, piccoli rettili, camaleonti, gechi, e varietà di insetti. Il parco contiene anche numerosi luoghi sacri degli abitanti locali, i Bara, che seppelliscono i loro morti nelle grotte dei canyon. Possibile incontro con il Lemur Fulvus Rufus, osservazione dei Pachypodium rosolatum « Baobab nano » di 50 a 60 cm che nel periodo della fioritura si ricoprono di fiori straordinariamente gialli. Pranzo picnic. Durante la visita, altra possibilità di ammirare i simpatici Lemuri Catta, dalla coda anelata bianca e nera….

A fine pomeriggio, appuntamento con il tramonto alla “finestra dell’Isalo” per ammirare uno splendido tramonto. Rientro in hotel.

Cena e pernottamento all’ ISALO ROCK LODGE.

Giorno 14: ISALO / TULEAR / ANAKAO

Prima colazione. Partenza alle 05:00 verso il Sud attraversando Ilakaka, terra di ricercatori di Zaffiri, percorrendo il paesaggio tipico del Sud malgascio: vegetazione arida, baobab, e foresta spinosa. Le diverse forme d’Alo Alo, steli funerari in legno artisticamente scolpiti, abbelliscono le sepolture Sakalava, Mahafaly, Antandroy ricoperte di pitture appariscenti.

Appuntamento con la barca alle ore 09:30 e trasferimento per Anakao.

Sistemazione in mezza pensione presso ANAKAO OCEAN LODGE,

Giorno 15/16: ANAKAO

Soggiorno mare libero con trattamento di mezza pensione al ANAKAO OCEAN LODGE,

Giorno 17: ANAKAO / TULEAR / ANTANANARIVO 

Prima colazione. Trasferimento fino all’aeroporto di Tulear e volo per Antananarivo. Pranzo libero. Arrivo nella Capitale, partenza per la visita della città, il cui nome originario era Analamanga (foresta blu) è comunemente chiamata anche “La città dei Mille”, nome attribuito dopo la conquista e la difesa di mille guerrieri. Fondata agli inizi del XVII secolo, ed abitata dalla Etnia Merina, che in Malgascio significa “coloro che abitano sugli altopiani” e’ disposta su 12 colline sacre, ad un’altezza tra i 1.200 mt. e 1.500 mt. Antananarivo conta circa 1.600.000 abitanti, disseminati tra innumerevoli quartieri tipici e tra loro molto differenti, percorsi da molteplici stradine e viottoli disseminati da piccoli mercatini locali. La visita di questa capitale ci porterà ad ammirare il Palazzo della Regina “Rova”, ora in restauro, il grande boulevard dell’Indipendenza “l’esplanade di Analakely” con la sua tipica stazione ferroviaria dell’epoca, alcuni grandi mercati locali non ultimo il grazioso mercatino dei fiori di Anosy, senza dimenticare il tipico mercato della Digue, che espone una grande varietà di prodotti artigianali venuti da ogni parte dell’Isola.

Trasferimento in hotel. Camera a disposizione al COMBAVA HOTEL.

Cena libera. Trasferimento in tempo utile in aeroporto per il check-in del volo per Parigi.

Giorno 18: ANTANANARIVO / PARIGI volo AF

Partenza del volo per Parigi. Pernottamento a bordo.

OTTENERE I BUONI PIANI MADA VIAGGI!

Viaggi insoliti, Photo reports ...